cuoregesu

Il nostro tempo, sorprendentemente, è il tempo in cui piu frequente e insistente risuona il richiamo alla bonta, tenerezza e misericordia di Dio.

La testimonianza della vita e degli scritti di Suor Consolata Bretone, una monaca cappuccina umile e nascosta i cui appunti, nati come un parlare a se stessa dell'amore di Dio e destinati a rimanere privati, diventino luce spirituale per le anime che cercano un messaggio d'amore di straordinaria utilità.

Il messaggio del Cuore di Gesù al mondo, accolto con fe­deltà e testimoniato con l'eroicità della vita da Suor M. Consolata è stato vagliato con la prudenza del direttore spirituale da P. Lorenzo Sales, che lo ha offerto a tutti con illunminata sapienza. La sua versione ori­ginale del 1952 viene ora ripresentata, aggior­nata nella forma linguistico-letteraria, nelle annotazioni e nelle citazioni bibliche, of­frendo così al lettore contemporaneo un gioiello di spiritualità cristiana al quale hanno già reso ragione le molte ristampe italiane e tra­duzioni in altre lingue.

eremita

Un viaggio nell'affascinante mondo della preghiera che avvince come un romanzo.

«L’eremita» è il primo di una trilogia (L'Eremita - Il profeta - Il mistico) che ha il formato di un breve romanzo, ma l’impatto di un’opera di profondo misticismo.

Torkington  scrive sulla preghiera e si sente che scrive per esperienza, con l’autorità di chi ha pregato ... e il libro riesce a presentare la teologia come esperienza vissuta.

Questo piccolo libro potrebbe rivoluzionare il vostro modo di pregare, anzi potrebbe farvi scoprire che pregare è la cosa più importante al mondo.

E' una lettura leggera ma al contempo profonda.

 

  Il coraggio della fragilità.

  René Voillaume
la2chiamata

 

 

 

 

 

Meditazioni sul Padre Nostro

guardini

Profondo conoscitore di questa vicenda spirituale, nutrito di una vasta preparazione filosofica, teologica  e  liturgica, Guardini guarda alla preghiera con la vastità di un occhio che ne coglie le sfaccettature e il modularsi entro forme diverse, ma alla fine convergenti nella radicalità di un gesto che è l’interpellare e il darsi ad un’Alterità della quale avvertiamo ad un tempo la distanza e la prossimità.

La preghiera è allora un ponte lanciato verso l’Alterità ove il finito e l’infinito si incontrano e si parlano e l’orante si lascia purificare dall’acqua della sorgente.