liberta2"Noi dobbiamo amare le persone in modo che esse siano libere di amare gli altri più di noi".
Un appassionato percorso sui sentieri che, attraverso l'assunzione dei limiti e delle ricchezze del proprio corpo e dell'affettività, conducono verso una vita di autentica libertà interiore.

Timothy Radcliffe

paceLa nostra è un'epoca di inquietudine e questa attitudine in­teriore, che permea la vita quotidiana dei nostri contempora­nei, si manifesta altrettanto spesso nella sfera della vita cristia­na e spirituale. La nostra ricerca di Dio, della santità e del ser­vizio al prossimo, è anch'essa spesso agitata, ansiosa, non fidu­ciosa e tranquilla, come dovrebbe essere, se assumessimo l'at­teggiamento dei piccoli di cui ci parla il Vangelo.

E' estremamente importante capire che il cammino verso Dio e verso la perfezione diviene di gran lunga più effica­ce, breve e agevole quando l'uomo riesce a conservare in tutte le circostanze la pace profonda del cuore. È allora che si rende docile allo Spirito Santo e che il Signore realizza in lui, per mez­zo della sua grazia, ben più di quanto non arriverebbe a fare con le proprie forze. 

Libro integralmente scaricabile in versione stampabile
pdfLa_pace_del_cuore__Jacques_Philippe.pdf

colomberoC’è una sofferenza dalla quale non possiamo difenderci. E quella che la vita riserva un pò a tutti. Ce n’è un’altra di cui conosciamo bene i passi e i percorsi e che potremmo evitare solo che lavorassimo un poco sui nostri sentimenti, sui nostri concetti e preconcetti, giudizi e pregiudizi, sulle memorie e sul modo di ricordare. Si tratta di riconoscere i volti più consueti del male che insidia o si insedia nella mente e nell’animo, e i modi di guarirlo. Primo tra tutti: conoscere e riconoscere se stessi, fissare la dimora al centro dove abita il nostro vero io e dove è depositata la nostra sostanza spirituale, e da lì condurre la vita. Lo scopo del libro è di individuare quel qualcosa che ognuno di noi può fare per guarire le sue zone interne malate e le sue sofferenze inutili, al fine di abitare meglio se stesso. Non c’è da escogitare niente di sensazionale, non c’è da andare da nessuna parte.
L’altrove è in noi, siamo noi in un diverso modo di sentire e di vivere. Se ci fermiamo un momento, il silenzio ce lo rivelerà.

Giuseppe Colombero

La figura del Poverello d'Assisi ricostruita attraverso un severo riesame critico delle fonti. Una narrazione piacevole e avvincente della "reale" esperienza umana e spirituale del Santo e del fiorire della cosiddetta "leggenda francescana".

Franco Cardini