Andai a fare visita a Francesca quando era ormai morente. Non potevo dimenticare che, mamma di quattordici figli, si era offerta di venire alla nostra Comunità per "fare qualche cosa per i sacerdoti" e che nonostante tutti i pesanti impegni di mamma aveva trovato il tempo e l’amore per tutti.
Le dissi che avremmo pregato tanto perché il Signore la aiutasse nelle sofferenze. Con una bellissima luce negli occhi mi rispose: «ho cercato sempre di amare la volontà di Dio per la santità dei sacerdoti. Anche ora desidero compiere tutta intera la sua volontà. Nell’altra vita voglio chiamarmi volontà di Dio».