Firenze. "Io e mia moglie non siamo né praticanti né credenti. Anzi, i preti li abbiamo sul gozzo. Ma se tu ci chiedi di ospitare questa ragazza la accogliamo come una figlia. Tu dici che il bambino che lei aspetta in qualche modo appartiene al Tempio perchè figlio di un prete. Di che tempio stai parlando? Certamente appartiene alla vita, quindi appartiene a me, a mia moglie, ai miei quattro figli. Vieni, vieni con lei e il piccolo embrione. Senza tanti svolazzi teologici. Il tempio è lei. Il tempio siamo noi …" .