"Quando penso a quello che i sacerdoti fanno per noi, scrive Enrico Medi,
ho la certezza che qualunque ricompensa sia inadeguata.
Il nostro GRAZIE più vero consiste nel pregare per loro
e nel sostenerli con la nostra amicizia".