Ad un sacerdote una religiosa anziana confida l'impegno di offrire la propria vita per la santificazione di due giovani sacerdoti, particolarmente bisognosi di grazia.
Sapendo quanto il Signore prenda in parola chi si dona a Lui, il sacerdote consiglia di parlarne con la superiora, con il confessore.
La suora ha già fatto tutto questo. È pronta per rinnovare la propria offerta per i due consacrati che essa sente come propri figli.
Passano alcuni giorni. Dalla superiora di quella religiosa giunge una telefonata. «La suora è caduta; ha riportato gravi fratture; è in coma. Pare che il Signore la stia chiamando con sé. Pregate!».
Il sacerdote corre per stare vicino alla vera sorella. In un momento di lucidità, serenamente, l'anziana religiosa rinnova ancora la sua offerta.
Ci giungono due telefonate, da luoghi diversi ma quasi contemporaneamente. Sono i due consacrati per i quali la sorella si è offerta vittima: comunicano il loro desiderio di iniziare un cammino di ricerca; domandano fraterno aiuto; domandano di capire. Sentono di vivere un nuovo passaggio di Dio.