«Siano note le tue opere o Signore, su tutta la terra!» (Salmo 67)

«Ho ripreso in ottimismo, in fiducia, in serenità, in salute e mi auguro che questa "carica" perduri a lungo ... .
Se salite al nord, ricordatevi che c'è un amico, la cui casa sarà sempre aperta per Voi. Un abbraccio fraterno per tutti».

 

Sono una Vedova di 82 anni, ho cercato di donare a Dio tutta la mia vita per i Sacerdoti: da giovane nell'Apostolato di Azione Cattolica, più tardi nella famiglia, oggi nella vedovanza e nella solitudine.
Ho già i miei don G. e don F. cui ho donato tutta me stessa, ma nel mio cuore di Mamma c'è ancora tanto posto e una grande disponibilità di donazione. È vero, noi vecchiette, vedove e sole, non avremo tesori di sublime contemplazione da donare, ma possiamo offrire la nostra solitudine, le nostre preghiere fatte di desiderio (desiderio che a volte brucia dentro), le nostre S. Messe concelebrate da lontano, le nostre rinunzie e digiuni eucaristici, le piccole occupazioni di una giornata talvolta scialba e monotona. Questi ed altri Tesori possiamo donare con tutto il cuore per i fratelli Sacerdoti che lavorano tanto (a volte troppo), perché si facciano Santi e il loro Ministero sia fecondo.
Pace e bene. A.G.

 

Siamo tre alunne di terza e abbiamo 9 anni. Ti vogliamo tanto bene perché sappiamo che fai tanta fatica. Hai degli amici con te? Anche noi vogliamo starti vicine.
Ti pensiamo con amore. In questa Quaresima ti regaliamo due fioretti per i tuoi sacerdoti:
vediamo mezz’ora di TV in meno e ubbidiamo a papà e mamma. Per te, dopo le preghiere del mattino, ogni giorno tutte e tre ti mandiamo un bacio. Così ti ricordi che siamo vicine a te.
Chiara, Deborah e Manuela

 

Ho ottantadue anni. Vivo in collina con mia figlia. Dalla mia casa si gode una vista meravigliosa sulla città. Mi affaccio sovente alla finestra e lì passo i momenti più belli delle mie giornate. Si vedono tanti campanili e tante chiese e io faccio l’adorazione eucaristica così, da casa mia. Campanile dopo campanile immagino di entrare in quelle chiese e adoro Gesù presente nei Tabernacoli e gli chiedo di benedire voi tutti.
Anche se non vengo a visitarvi, ogni giorno mi trattengo così con voi e vi sento nel mio cuore. Ma ora smetto perché mi sento commuovere.