18 dicembre 2013

Questa esperienza mi ha davvero disturbata. Che colpa ho per essere buttato via ?
Vorrei "spezzare una lancia" in favore di un’altra paternità: quella di Dio.

Non perché fosse sacerdote: mio padre aveva semplicemente altro a cui pensare. Ha chiuso la porta di casa a me e mia madre quando avevo 5 anni. Anch’io mi domandavo cosa avessi fatto di male per meritare questo. Ma ti assicuro che non ho passato la vita nell’angoscia, né cercando giustizia. Mia madre mi ha sempre fatto presente la paternità infallibile, quella che conta davvero, quella del Padre che non ci abbandonerà mai. E quel Padre nemmeno oggi mi fa mancare niente. E’ sempre il mio "Papà" che in carne e ossa non ho mai avuto. Invece di distruggermi, l’esperienza mi ha reso più forte - cosa che accade ogni volta che ci affidiamo a Lui.
Un padre può mancare per tanti motivi, a volte a prescindere dalla propria volontà, ma il nostro Padre Celeste non si assenta mai dai nostri passi. Vi abbraccio. A.