07-compassioneDobbiamo credere nell’efficacia sanante della misericordia:
- perché sperimenta e dimostra che l’amore fraterno vince, in Cristo, le sorgenti profonde del male;
- perché di fatto l’amore di pochi ed inutili servi diviene grazia di risurrezione  nel cuore e nella vita dei sacerdoti feriti;
- perché essa riconosce per nome molti, molti fratelli che da anni ripetono nell’intimo: «Canterò in eterno le misericordie del Signore».

Intendiamo professare la misericordia di Dio e proclamarla. Nei momenti più veri del nostro servizio ai sacerdoti incontriamo da vicino e con frequenza il Dio «ricco di misericordia». Per questo riconosciamo come impegno fondamentale quello di rendere gloria ogni giorno alla sua misericordia.

Cerchiamo di attuare la misericordia:
- vivendo la conversione allo spirito di misericordia che ci è stato donato come stile definitivo di vita;
- invocando la misericordia divina ed i suoi doni con la preghiera e la penitenza del giorno e della notte;
- vivendo l’amore misericordioso nelle opere;
- servendo il fratello sacerdote che il Padre stesso ci dona quale membro ferito del corpo di Cristo;
- annunciando nella Chiesa la necessità e l’efficacia della carità verso i ministri di Dio.