lavatorio"Reverendo Padre, sono il Vescovo di Frosinone*.
Ho letto la testimonianza toccante del sacerdote che chiede 'un cappotto pesante per coprirmi e un paio di scarpe n. 40'. Il mio cuore ne è rimasto ferito. La prego, caro padre, di accettare questo modesto pacco che ho preparato personalmente. Vi troverà un mio cappotto nuovo, regalatomi da una famiglia a me tanto cara.

Le invio a parte una modesta cifra perché quel mio fratello nel sacerdozio possa avere anche un paio di scarpe nuove, magari di quelle che hanno dentro la fodera di pelliccia. Ormai l’inverno ci assale.

Spero con questo mio gesto di riscaldare un po’ il corpo e l’anima del nostro caro confratello ed anche i suoi piedi, quelli lavati da Gesù in ginocchio (quelli di cui dice la Scrittura: quanto sono belli quei piedi ...). Preghi per me".
+ Salvatore Boccaccio (+2008)