pentecosteDio può essere incontrato dall'uomo solo nella misura in cui l'uomo si trasforma. Ma, è giusto domandarsi: se l'uomo è minato nella volontà come si trasformerà? La "risposta" è questa: tocca a tutti noi.
Investe tutti noi, urge nel cuore di tutti noi ed è responsabilità amorosa della Chiesa intera; dal Sommo Pontefice al più piccolo dei fedeli; dalla Chiesa che è in questa terra a quella celeste.

Pregare, pregare, pregare;
amare, amare, amare;
accogliere, accogliere, accogliere.
La grazia suppone una natura che sia bella, vigile, gioiosa, in ascolto.
Come l'umanità della Vergine Maria.

Non possiamo fare a meno di invocare per ogni sacerdote, continuamente e umilmente, la Pentecoste! Consapevoli dei nostri limiti e memori della parola di Gesù: "pregate il Signore della messe!".
Siamo infatti un solo Corpo e un solo Spirito.