cristo«Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici» (Gio 15,13)

Con il permesso della mia Priora ti presento l'ispirazione che mi è venuta, e credo fermamente che mi sia stata suggerita dallo Spirito Santo durante la preghiera. Non sono altro che una piccola e povera fidanzata di Gesù; soltanto il prossimo anno farò la professione solenne dei miei voti se Dio mi custodirà in vita e in fedeltà di cuore. Vorrei proprio tanto che tu mi confidassi il nome di battesimo di un sacerdote seguito e io mi propongo di offrire tutto l'impegno e tutte le mie preghiere per questo fratello in questo mio periodo di preparazione e nella futura vita di consacrazione totale. Vorrei con amore aiutarlo a guarire e a trovare la serenità.

Per discrezione ti chiedo solo il nome di battesimo, il nome della sua consacrazione originale. Vorrei conoscerlo per poterne parlare con Gesù; desidero che Lui lo riconosca. Vorrei somigliare, e mi basterebbe anche molto in piccolo, alla giovane santa Teresa di Lisieux che aveva preso a suo carico un "condannato a morte" e che si immolava per un "missionario scoraggiato".

Quanto a me, vorrei avere il cuore tanto grande e l'anima così generosa da poter abbracciare nella Eucarestia non soltanto quel fratello che ti chiedo in dono ma tutti i sacerdoti che sono in difficoltà.

La tua piccola sorella B.